Articolo da logo neuroni organizzativi

Ecco cosa mi ha scritto ieri un cliente:

“Ho la netta sensazione che ora si stia arrivando ad un punto di rottura. Siamo misurati e valutati in tutto, la pressione è elevatissima e vedo che i nostri capi non sono messi meglio. Il clima è di stress, arrivo addirittura a pensare che questa pressione abbia cambiato il carattere delle persone. Manager affabili quando sono entrati ora sembrano totalmente diversi: arroganti, esigenti, maleducati, si sottraggono a chiarezza e risposte. Si percepisce la paura, la paura di sbagliare, la paura di provare, di prendersi responsabilità, la paura anche a far di più del proprio pezzo… “

QUELLA SUBDOLA E APPICCICOSA SENSAZIONE CHE ANNEBBIA LA MENTE E IRRIGIDISCE IL CORPO

A volte è tangibile, più frequentemente non è semplice riconoscerla: si avverte come un dolore alle spalle, uno stato di contrazione che irrigidisce subdolamente il corpo e annebbia lievemente le idee. Si perde di lucidità e di capacità di ragionare oppure, ad un livello ancora più profondo, si palesano sintomi che impattano sulla digestione o sulle viscere. E’ la paura: ha diversi modi di manifestarsi quando non può essere espressa o risolta. Può coinvolgere sia la muscolatura rigida che quella liscia (le viscere) o generare quel senso di confusione che fa sentire bloccati e vuoti di risorse, esattamente il contrario di quello che alle organizzazioni serve oggi per lavorare in modo flessibile, generare idee e soluzioni creative, collaborare, essere veloci, fluidi e focalizzati, pronti, se serve, a cambiare direzione.

Agire sotto l’effetto della paura, o di quella che il nostro cervello percepisce come minaccia, piuttosto che per desiderio di ricompensa, attiva circuiti neurali del tutto sfavorevoli alla produttività in azienda.. anzi.

Eppure sembra che alcuni vertici aziendali non l’abbiano ancora compreso, o siano rimasti ad un modello manageriale d’altri tempi mentre, proprio in momenti di incertezza, i sistemi necessitano del suo contrario per stare in equilibrio. Giocando invece una partita a base di logiche di potere , svuotano le tasche dell’azienda di cui fanno parte, sottraendo risorse cognitive (intelligenza in tutte le sue differenti forme) ed emotive (passione con tutta la sua forza propulsiva), quelle che possono fare la differenza in termini di impegno e di numeri. E lasciano al loro posto obbedienza, rassegnazione, paura e confusione/rigidità mentale.

La neuroeconomia è una scienza che si avvale di studi in neuroscienze applicati a variabili produttive ed economiche e molti di questi studi tendono ormai a dimostrare il legame tra risultati economici ed engagement.

EFFETTO BROADENING, AMPLIAMENTO

Quando siamo sotto l’effetto di emozioni positive disponiamo di molte risorse: le ricerche confermano che dotati di stati d’animo positivi si dispone di un focus dell’attenzione più ampio che consente di percepire, di un problema o di una situazione, il quadro intero. Al contrario, ansia e paura   tendono a far  perdere di vista l’insieme e a portare un eccesso  di concentrazione su dettagli non sempre collegati all’insieme e non proprio rilevanti.

Lo stato d’animo positivo ha inoltre un’elevata correlazione con la capacità di produrre pattern di pensiero inusuali, inclusivi, creativi e flessibili e predispone ad una migliore ricettività verso le nuove informazioni.

Da questo effetto chiamato “broadening”, ampliamento (Fredrickson 1998), risulta dunque arricchito sia il processo cognitivo in generale che il processo di problem solving, come risultato del potenziamento della capacità di enumerare più  ipotesi di soluzione e  un range di azioni potenziali maggiore.

Ma non si ferma qui il beneficio: le ricerche, oltre a verificare la relazione con l’area cognitiva, si sono ramificate in ambito sociale e anche in quest’area hanno confermato che, sotto l’influsso della benefica “droga” emotiva, tendiamo  a mettere in campo, nelle relazioni,  atteggiamenti di disponibilità, apertura, attenzione agli altri e fiducia.

effetto broadening

MENO PAURA E PIU’ DOPAMINA, PER PIACERE…

Ricerche in ambito fisiologico associano questo effetto al rilascio di dopamina che favorisce flessibilità cognitiva e curiosità proattiva, dovuti all’azione dello stesso sistema neurologico associato agli effetti positivi della motivazione, in altre parole al “reward system”, o circuito della ricompensa che si attiva alla ricerca del piacere, cioè alla ricerca di quello che noi riteniamo importante per il nostro benessere.

Velocemente, la corteccia orbitofrontale, strettamente collegata al sistema emotivo, motivazionale, valuta la situazione e decide cosa fare in relazione a quanto lo stimolo sia interessante ai propri fini o meno. Si attiva dunque una reazione positiva se si prevede una ricompensa (secondo i personali criteri di ricompensa) o, al contrario, scattano evitamento o difesa se si prevedono o si sente l’odore di punizione o minaccia.

Anche il neuroscienziato Evian Gordon ha studiato e messo a fuoco un meccanismo che regola e organizza le nostre risposte del cervello: minimizzare il pericolo, massimizzare la ricompensa evidenziando i correlati neurali e gli ormoni rilasciati quando si cerca di capire se un nuovo elemento del contesto rappresenta una possibilità di ricompensa o un pericolo.

La risposta a minaccia attiva aree corticali e sottocorticali che sequestrano ossigeno al cervello e glucosio al sangue, distogliendo energie utili alle “funzioni esecutive” a quelle aree dedicate cioè all’elaborazione dell’informazione, alla creatività e al ragionamento logico oltre che alla memoria di lavoro, necessaria ad ottenere performance eccellenti perché necessaria della concentrazione (e viceversa). Cioè senza focalizzazione e attenzione, la memoria di lavoro, necessaria a trattenere le informazioni che servono per svolgere qualsiasi operazione e compito, non funziona.

Il sistema, che si posiziona in uno stato di allerta e di difesa attiva una risposta paragonabile a quando sentiamo dei passi nel buio: aumentano la produzione sia di cortisolo che di adrenalina che a lungo andare producono stress con abbassamento delle difese immunitarie, che significa maggiore esposizione alle malattie.

Eppure ancora in molte aziende persiste un clima che tende più a generare risposta a minaccia che risposta a ricompensa: molti manager o perché sotto pressione o semplicemente perché non conoscono altri modelli di lavoro, sembrano essere, con i propri comportamenti, veri e propri generatori di minaccia, vere macchine da paura e ansia.

Il contrario della paura non è il coraggio, bensì la fiducia che si sviluppa e passa attraverso il circuito della ricompensa: base motivazionale per l’attivazione piena delle proprie risorse.

IL LAVORO PROFESSIONALE

Scrive Giorgia in un post: il lavoro professionale non è defunto e tutti noi sentiamo l’esigenza di poterlo esercitare, abbiamo lavorato tanto per costruirci e costruire professionalità e poi il contesto, che ha una fortissima influenza sul comportamento del singolo, favorisce il pressapochismo e furbizia.

In molti momenti della vita aziendale si ha occasione di decidere sia come organizzazione che come manager se, all’interno della nostra sfera di influenza, motivare ai risultati o saccheggiare risorse agendo la leva della paura. La responsabilità è del singolo, qualunque livello di potere e di influenza si gestisca. Anche quello del centralino nei confronti dei clienti!

Decidiamo se per Natale vogliamo diventare generatori di fiducia o di paure.

formaMenti

Non credo nella formazione (Parte Prima)

Non credo nella formazione (Parte Prima)

Qual è lo scarto tra “addestramento” e “form-Azione”?

Un’analisi degli effetti a breve e lungo raggio di due metodi formativi che producono esiti diversi a diverse profondità.

Non credo nella formazione (Parte Seconda)

Non credo nella formazione (Parte Seconda)

Condiziona-menti VS libertà d’azione

Ecco come un approccio formativo costruttivista, orientato verso l’unicità di ogni individuo, permette di ottenere risultati dagli alti standard qualitativi ma soprattutto performativi.

Non credo nella formazione (Parte Terza)

Non credo nella formazione (Parte Terza)

Con-formare senza mai conformare

È questo l’imperativo categorico di chi si impegna a (ri)generare professionalità libere da ogni meccanicismo preconfezionato. I progetti di formazione dovrebbero infatti intersecare identità e necessità di mercato.

Torniamo in aula

Torniamo in aula

Non siamo contro il digitale e la tecnologia, siamo contro l'uso eccessivo e superficiale. È ovvio che spesso, in formazione, e-learning e strumenti similari facciano risparmiare tempo e soldi ma questo non deve andare a scapito della didattica... sempre più il primo punto va a scapito del secondo!
Bene, dal nostro punto di vista, per i modelli misti di formazione e bene soprattutto per le società serie che si pongono quesiti sull'apprendimento.

Cosa aspettarsi dopo il post-moderno?

Cosa aspettarsi dopo il post-moderno?

L’etichetta di “post-modernità” è ormai comunemente utilizzata al fine di indicare l’epoca in cui il consumismo si fa cultura di massa. Di tale etichetta se ne vanta la liquidità, la fluidità, la “fine delle meta-narrazioni”, la legittimità definitiva di un individualismo dell’ “Io valgo”.

Eppur si muove...

Eppur si muove...

Sorprende e conforta la recente notizia di una storica distilleria italiana che propone come momento formativo per i suoi dipendenti lezioni di mindfulness e meditazione.

Ha ben piccole foglie la pianta del the

Ha ben piccole foglie la pianta del the

"Ha ben piccole foglie la pianta del the..."
così cantava Ivano Fossati con botanico realismo e poetica osservazione.

Il maestro è nell'anima

Il maestro è nell'anima

Novalis in una delle sue vette poetiche affermava che la vita è una continua ricerca del padre, un cammino che inizia presto da bambini attraversa la dolorosa adolescenza del confronto oppositivo e continua nell'età adulta come tarlo ossessivo che rode, seppur spesso inconsapevolmente.

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

inseriMenti

Imprenditorialità e solitudine

Imprenditorialità e solitudine

Si parla spesso della solitudine dell’imprenditore, sia per sottolineare la grandezza quasi “regale” di tale ruolo e l’unicità dell’energia creativa e di comando, ma anche per evidenziare le difficoltà nel condividere le proprie intuizioni e decisioni. Due aspetti della stessa realtà, quella imprenditoriale, che portano ad una condizione esistenziale costantemente in bilico tra potenza e rischio.

Il cambiamento della funzione HR

Il cambiamento della funzione HR

Il ruolo della funzione HR in azienda sta cambiando profondamente

Coworking, quando il lavoro si condivide

Coworking, quando il lavoro si condivide

Nascono in tutto il mondo gli uffici condivisi, quelli in cui scambiano scrivanie e wifi, ma anche idee e pensieri

Gli uffici più belli del mondo

Gli uffici più belli del mondo

Il lavoro è il lavoro, non sempre si tratta di piacere. Ma se svolgiamo la nostra professione in un luogo bello e confortevole tendiamo a produrre di più: ecco le caratteristiche che deve avere un ufficio perfetto.

Il lavoro agile: rivoluzione per aziende e dipendenti

Il lavoro agile: rivoluzione per aziende e dipendenti

In uscita una nuova legge per favorire il lavoro agile.

Seductive Operationally Bully: attenzione ai SOB in azienda

Seductive Operationally Bully: attenzione ai SOB in azienda

Leggermente psicopatici ma efficienti, a volte dei veri talenti, il SOB prospera nelle aziende ad elevata spinta competitiva. 

Come lavorare in spiaggia

Come lavorare in spiaggia

Grazie a dei semplici gadgets è possibile continuare a lavorare anche in vacanza, perfino in spiaggia. Anche se una pausa è quello che ci vorrebbe per poi ricominciare con più entusiasmo

Job Sharing: anche il lavoro si può condividere

Job Sharing: anche il lavoro si può condividere

Si tratta di un contratto lavorativo diviso tra due colleghi: in questo modo entrambi i dipendenti possono avere maggiore flessibilità e più tempo libero

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

nutriMenti

L'insostenibile peso del singolo

L'insostenibile peso del singolo

Leggere i fatti della Sierra Leone, del giovane ammazzato in discoteca e dei morti di Barcellona non può non richiamare la coscienza personale a due parole importanti e continuamente manomesse dal web e dagli scribacchini dei quotidiani:
Compassione e giustizia.

Generazioni a confronto per un marketing human-oriented

Generazioni a confronto per un marketing human-oriented

L’Italia delle generazioni” è una recente pubblicazione ad opera del Censis e rappresenta il primo importante segnale di attenzione verso il fenomeno della scissione generazionale integrato alla prospettiva socio-demografica.

Dimmi cosa compri e ti dirò chi sei

Dimmi cosa compri e ti dirò chi sei

Le grandi speranze che si erano subito affollate intorno al neuromarketing si sono notevolmente affievolite. Lo testimonia la diminuzione di ricerche accademiche, di dibattito e di offerta di metodi applicativi più o meno credibili.

L'equivoco della naturalità

L'equivoco della naturalità

Da sempre il marketing cattura il consumatore poiché rappresenta l’appagamento dei suoi desideri attraverso il consumo.

Parole, parole, parole...

Parole, parole, parole...

A proposito di identità o di principio logico di identita', pensavo che se tutte le frasi, citazioni, immagini con i soliti santini o santoni della grande industria che postiamo su Linkedin...

Croce/Cucinelli

Croce/Cucinelli

«Il filosofo, oggi, deve non già fare il puro filosofo, ma esercitare un qualche mestiere, e in primo luogo, il mestiere dell'uomo.»(Croce)

Maskbook

Maskbook

“Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.”
L.Pirandello

“Ah ah! Experience”…what else?

“Ah ah! Experience”…what else?

Per il nostro cervello apprendere significa creare nuove connessioni e generare nuove vie di comunicazione tra neuroni distanti e aree sconnesse

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

rinnovaMenti

Tenco

Tenco

Nelle Langhe da bambino era bello vedere i contadini segnarsi prima di iniziare la giornata di lavoro, giornata faticosa sui cambi bruciati, urticati dal sole, proprio quei campi che ho provato a descrivere in quella mia ultima canzone che mi costrinsi, o non ricordo più se fui costretto a scrivere per partecipare a Sanremo 67.

Estradizione (nel nome del niente)

Estradizione (nel nome del niente)

Ho ucciso un uomo, ma non è la prima volta.
Un altro l’ho lasciato a terra agonizzante, era solo un ragazzino, ma si è messo in mezzo, che dovevo fare?

Potere senza padri, padri senza potere

Potere senza padri, padri senza potere

Nel secolo appena trascorso il ruolo esistenziale dell'uomo-lavoratore è stato fatto coincidere con il ruolo sociale, annullando l'individuo ed ergendosi a dovere necessario per raggiungere un obiettivo che non è appunto della singola esistenza, ma del potere sociale.

London Calling

London Calling

Stop a "signore e signori". La metropolitana di Londra si adegua all'imperativo ideologicamente corretto e sostituisce l'annuncio con "hello everyone", una cosa tipo "salve a tutti!". La decisione è stata presa per non urtare chi – dovendo scegliere tra le varie identità di genere – non sa ancora se essere signora o signore, donna o uomo.

Fear & Co. Spa

Fear & Co. Spa

La neuroeconomia è una scienza che si avvale di studi in neuroscienze applicati a variabili produttive ed economiche e molti di questi studi tendono ormai a dimostrare il legame tra risultati economici ed engagement

Qual è il momento giusto per cambiare lavoro?

Qual è il momento giusto per cambiare lavoro?

Se la vostra situazione lavorativa non vi soddisfa pienamente, è giusto fare qualche cambiamento: ecco quel è il momento giusto per farlo

I consigli per affrontare una giornata di lavoro con il sorriso

I consigli per affrontare una giornata di lavoro con il sorriso

Ecco 4 consigli per andare al lavoro con il sorriso e 3 per mantenerlo: solo così si può affrontare una giornata lavorativa nel modo giusto

Mi sento una scimmia ammaestrata

Mi sento una scimmia ammaestrata

Mi sento una scimmia! Ho lo stesso margine di autogestione di una scimmia ammaestrata. E’ il mio lavoro, rispondo al telefono.

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta